#unamicatrailibri America New York Rubriche

Strand Bookstore a New York: trenta chilometri di libri nella libreria più grande del mondo

Scritto da Silvia

Alla scoperta della libreria più grande del mondo: la Strand Bookstore di New York, nel cuore dell’East Village. Tra libri nuovi, usati e rari.

A pochi passi da Union Square, nel cuore dell’East Village, c’è una porta che separa il caos di Manhattan dal silenzio di chi cerca riparo in un libro. È la porta d’ingresso della Strand Bookstore, la libreria indipendente più famosa di New York e la più grande del mondo

Aperta nel 1927 in Fourth Avenue (che ai tempi era nota come “la strada dei tempi”), nel 1956 ha cambiato indirizzo, spostandosi a Broadway dov’è tutt’oggi. Una vetrina lunghissima, un’insegna rossa con le scritte bianche che percorre quasi mezzo isolato, un paradiso letterario che contiene più di trenta chilometri di libri. Dai romanzi ai saggi, dai racconti brevi alla manualistica, da splendidi libri di fotografia a opere rare in tiratura limitata. E souvenir di ogni tipo: spille e spillette, calamite e calzini, segnalibri e tazze, tutti rigorosamente a tema letterario.

Nonostante l’enorme quantità di volumi e la varietà di generi, una cosa mette tutti d’accordo: la passione pura e semplice per la lettura. Anche chi entra per comprare un semplice souvenir sembra rispettare chi si trova qui per cercare un libro che non sia solo un oggetto da mettere sul comodino, ma un compagno da scegliere con cura. C’è chi inizia a sfogliarne alcune pagine seduto tra i corridoi, chi sceglie un divanetto vintage, chi rimane quasi paralizzato davanti a troppi titoli. Uscire dalla Strand Bookstore a mani vuote è praticamente impossibile, perché i suoi quattro piani ospitano davvero libri di ogni tipo, sia nuovi che usati. E inoltre vi posso garantire che si tratta di una delle librerie più belle di New York. Che ne dite quindi di un tour virtuale?

 

Visitare la Strand Bookstore: piano terra

Il piano terra, dove si trova l’ingresso, è forse il mio preferito. Sulla destra scaffali altissimi vicini gli uni agli altri, come a formare lunghi corridoi in cui perdersi tra libri di poesia e di letteratura americana, e sulla sinistra una parete quasi completamente ricoperta di volumi, che termina con una bellissima e ricchissima selezione di libri di cucina. Non solo ricettari, ma manuali di food photography, romanzi sulla storia del cibo e titoli in lingua. Vicino alla cassa trovano posto anche gli immancabili gadget a tema e tra tutti vi consiglio le spillette con citazioni tratte dai libri famosi e i calzini raffiguranti personaggi della letteratura mondiale (quelli di Frida Kahlo sono deliziosi).

visitare la strand bookstore a new york

visitare la strand bookstore a new york

 

Visitare la Strand Bookstore: primo e secondo piano

Al primo piano la meraviglia continua: libri di fotografia e di moda, di architettura e di interior design, fumetti e una coloratissima sezione dedicata ai libri per bambini. E salendo ancora si arriva al secondo piano, che è quello che più mi ha sorpresa, perché ospita volumi rarissimi e preziosi, sia d’arte che di storia, sia di letteratura moderna che di teatro.

visitare strand bookstore - libreria new york

 

Visitare la Strand Bookstore: piano interrato

Infine, prima di uscire dalla libreria, non può mancare una visita al piano interrato, dall’aspetto quasi polveroso, come se fosse in continua costruzione da anni. Qui si trovano testi di psicologia e di filosofia, di religione e di musica, di legge e di medicina. E tantissimi libri a metà prezzo e anche in lingua.

 

Come arrivare alla Strand Bookstore

La Strand Bookstore si trova nell’East Village di Manhattan, al civico 828 di Broadway, proprio all’angolo tra 12th Street e Broadway. La fermata della metro più comoda è 14 Street Union Square Station (linea gialla, verde o grigia), a pochi passi dalla libreria .

(Foto di copertina: en.wikipedia.org)

 

2 Commenti

    • Ti capisco benissimo, mio marito ha quasi dovuto portarmi fuori di peso perché sarei rimasta ore anche solo a sfogliare i libri fotografici. E non parliamo dei souvenir, tra calzini e spillette non ricordo più quanto tempo ho perso!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.