Europa Francia

Come organizzare un viaggio in Provenza: tutto quello che c’è da sapere

Scritto da Silvia

Consigli utili per organizzare un viaggio in Provenza. Quando andare in Provenza, come arrivare, come muoversi, cosa vedere, dove dormire e molto altro. Tutto quello che dovete assolutamente sapere e fare per organizzare un viaggio in Provenza.

Uno dei viaggi da fare assolutamente almeno una volta nella vita è un on-the-road in Provenza, tra i suoi borghi, i suoi colori e le sue atmosfere. Un itinerario nella Francia del Sud tra sentieri d’ocra, campi di lavanda e villaggi arroccati.

La Provenza si estende idealmente dal confine italiano con la Liguria fino alla riva sinistra del Rodano ed è delimitata a nord dalle Alpi e a sud dal Mar Mediterraneo. Organizzare un viaggio in Provenza non è particolarmente complesso, ma è importante non trascurare i dettagli: il periodo giusto, gli spostamenti, l’itinerario e le strutture ricettive sono aspetti che possono dare un tocco in più al viaggio. In questo articolo troverete quindi tutte le informazioni necessarie per organizzare un viaggio in Provenza, basate come sempre sulla nostra esperienza diretta.

Organizzare un viaggio in Provenza: informazioni pratiche e consigli utili

Quando andare in Provenza

Per me il periodo perfetto per organizzare un viaggio in Provenza è sicuramente tra la seconda metà di giugno e la prima metà di luglio, quando la fioritura della lavanda è al massimo del suo splendore e le giornate nel Sud della Francia sono lunghissime, con il sole che tramonta dopo le 21. In alcune regioni anche le ultime settimane di luglio e le prime di agosto possono regalare campi viola a perdita d’occhio, ma verificate preventivamente sui siti ufficiali degli enti del turismo locale per conoscere con sicurezza le date di inizio della raccolta ed evitare di trovare campi deserti.

organizzare-un-viaggio-in-provenza informazioni e consigli per organizzare un viaggio in provenza

Come per tutti i viaggi, però, il periodo migliore per andare in Provenza dipende solo ed esclusivamente dal vostro obiettivo.

  • Se state organizzando un viaggio in Provenza perché sognate la fioritura della lavanda, puntate sul mese di luglio. Ricordo ancora perfettamente la giornata trascorsa nella piana di Valensole, tra lavanda, girasoli e balle di fieno dorate.
  • Se invece vi interessano principalmente borghi e villaggi, maggio e settembre sono ottime alternative che garantiscono temperature inferiori e prezzi più abbordabili nelle strutture ricettive.
  • Mi sento di sconsigliarvi in ogni caso agosto, non solo per il caldo ma anche per l’inevitabile folla che toglie un po’ di magia alle atmosfere provenzali.

Quando fiorisce la lavanda in Provenza

Se siete tra coloro che stanno organizzando un viaggio in Provenza per vedere la lavanda, la prima e inevitabile domanda che vi farete è “Quando fiorisce la lavanda?”. La riposta purtroppo non è univoca, perché la fioritura della lavanda, e di conseguenza la sua raccolta, dipendono fortemente sia dal meteo dei mesi precedenti la fioritura che dal meteo del periodo della fioritura vera e propria. La lavanda, infatti, deve essere ben asciutta prima di poter essere raccolta e quindi una primavera poco soleggiata o piogge abbondanti prima della raccolta potrebbero ritardarne il taglio. Ecco perché al paragrafo precedente vi ho consigliato di verificare con gli enti locali. In alternativa, vi segnalo anche questo link che vi può essere utile, perché indica le date aggiornate della raccolta zona per zona: routes-lavande.com

Come arrivare in Provenza

Arrivare in Provenza in aereo

L’aeroporto più vicino e più comodo per visitare la Provenza è quello di Marsiglia, collegato ai principali aeroporti italiani anche da molte compagnie low cost. L’aeroporto di Marsiglia si trova a pochi chilometri da Aix-en-Provence, il punto di partenza perfetto per visitare la Francia del Sud. In alternativa è possibile atterrare a Nizza, nel cuore della Costa Azzurra, anche se in questo caso considerate che vi serviranno circa 200 km per arrivare in Provenza.

Arrivare in Provenza in treno

Per arrivare in Provenza in treno ci sono due opzioni. La prima è Trenitalia che, in combinazione con Sncf, collega Venezia, Firenze, Pisa, Milano, Roma e Napoli con Nizza (la tratta italiana è servita da Frecciabanca, Intercity e treni Regionali veloci, quella francese dai Trains Express Régionaux). La seconda è Thello che copre direttamente la tratta Milano-Marsiglia fermando anche a Nizza.

Arrivare in Provenza in auto

L’auto è sicuramente il modo migliore per arrivare in Provenza e per visitarla. Noi, partendo dal Veneto, siamo arrivati a Genova dove abbiamo preso la Genova-Ventimiglia (nota anche come Autostrada dei Fiori) che in Francia diventa A8 (autoroute La Provençale) e che arriva fino in Provenza. Giusto per darvi un’idea dei tempi, abbiamo impiegato circa sette ore per coprire il tragitto da Venezia ad Aix-en-Provence.

Come muoversi in Provenza

Considerato che molti dei luoghi imperdibili della Provenza sono piccoli borghi arroccati e campi in fiore, vi consiglio di usare l’auto per avere massima libertà negli spostamenti e negli orari. Le strade sono ben segnalate e in buono stato, l’unico problema in alta stagione può essere quello di trovare un parcheggio gratuito.

Una valida alternativa, se siete un pochino allenati, può essere quello di spostarsi in bicicletta. La Francia, e la Provenza in particolare, offre infatti una rete ciclabile estesa e ricca di servizi, dagli itinerari EuroVelo che attraversano la Provenza latitudinalmente e longitudinalmente alle véloroutes e voies vertes.

Dove dormire in Provenza

Organizzare un viaggio nella Francia del Sud significa immergersi in pieno nelle dolci atmosfere provenzali e il modo migliore di farlo è quello di alloggiare in strutture di charme, magari in alcune delle deliziose chambre d’hôtes che caratterizzano questa regione. Strutture a conduzione familiare, con poche camere e curate nei minimi dettagli, in cui spesso è anche possibile cenare insieme ai padroni di casa e agli altri ospiti, come in una grande famiglia.

organizzare-un-viaggio-in-provenza informazioni e consigli per organizzare un viaggio in provenza

Il consiglio in più che vi dò è di non scegliere una sola struttura, ma di considerare almeno tre o quattro punti di riferimento per il vostro on-the-road, in cui fare base per esplorare i dintorni.

► Se vi interessa, trovate tutte le informazioni in questo articolo – Dormire nelle chambres d’hôtes in Provenza: cosa sono e quanto costano

Cosa vedere in Provenza

Se state organizzando un viaggio in Provenza prendete seriamente in considerazione di inserire nel vostro itinerario anche qualche sosta in Camargue. Di seguito vi lascio tutte le tappe del nostro viaggio, giorno per giorno, e qualche approfondimento che penso vi potrà essere utile.

Itinerario di una settimana in Provenza

  • Giorno 1: Eze Village
  • Giorno 2: Aix-en-Provence
  • Giorno 3: Saint-Rémy-de-Provence e Les Baux-de-Provence
  • Giorno 4: Aigues-Mortes e Saintes-Maries-de-la-Mer
  • Giorno 5: Arles e Avignon
  • Giorno 6: Gordes, Roussillon, Plateau de Valensole e Moustiers-Sainte-Marie
  • Giorno 7: Gorges du Verdon e Lac de Sainte Croix

Articoli di approfondimento:

Altre informazioni utili per organizzare un viaggio in Provenza

Documenti necessari

La Francia, come sapete, fa parte dell’Unione Europea e quindi per andare in Provenza è sufficiente la carta d’identità valida per l’estero. Se avete intenzione di usare la vostra auto o di noleggiarne una, dovete portare con voi anche la patenta italiana. Non dimenticata infine la tessera sanitaria europea, che vi garantirà assistenza medica sul suolo francese.

Clima

Il clima in Provenza è tipicamente mediterraneo, mitigato dall’influsso del mare e portato ad esaltare colori e profumi. Ovviamente ci sono differenze tra le zone. Sulla costa e nelle campagne provenzali e della Camargue il clima è più caldo, quasi afoso in piena estate, e caratterizzato da giornate terse e lunghissime. Spostandosi invece verso gli altipiani del Valensole e le Gole del Verdon le temperature si abbassano, in particolare la sera.

Cosa mettere assolutamente in valigia

Preparare la valigia per un viaggio in Provenza è molto semplice, specialmente in primavera ed estate. Non devono mancare abiti in lino, cappello di paglia, scarpe comode e un foulard per la sera. Da un punto di vista più pratico, ricordate di portare con voi un adattatore per le prese di corrente.

Cosa comprare in Provenza

Durante il nostro viaggio in Provenza non sono di certo mancati gli acquisti. Sia i piccoli villaggi che le cittadine più grandi sono punteggiate di botteghe artigiane dove le tradizioni si tramandano da generazioni. Dal miele di lavanda preparato secondo un’antica ricetta ai calissons, i tipici dolcetti provenzali a base di mandorle caratteristici di Aix-en-Provence. Dalle saponette ai prodotti per il corpo agli immancabili sacchettini di lavanda. È stato come portare a casa un po’ del profumo e della magia della Provenza.

organizzare-un-viaggio-in-provenza informazioni e consigli per organizzare un viaggio in provenza

Quanto costa organizzare un viaggio in Provenza

Dopo avervi spiegato come organizzare un viaggio in Provenza, vi lascio qualche ultima indicazione sui costi che dovete prevedere.

Spostamenti – Ovviamente dipende dal mezzo di trasporto scelto, ma nel caso in cui vi spostiate con l’auto considerate che un itinerario come quello che abbiamo fatto noi è lungo circa 500km e la benzina in Francia costa solo poco meno rispetto all’Italia. Per identificare la stazione di servizio più conveniente e più vicina potete scaricare l’app Prix des carburants. I parcheggi sono infine un tasto dolente perché in alta stagione è quasi impossibile trovare posto gratuitamente.

Strutture ricettive – Anche in questo caso le variabili sono molte, periodo in primis. Supponendo di organizzare un viaggio in Provenza nel periodo di fioritura della lavanda e di alloggiare, come vi ho consigliato, nelle chambres d’hotes, considerate circa 80-90 euro a notte per una doppia con colazione compresa.

Pasti – Al ristorante, prendendo un antipasto in due e un primo o un secondo a testa, non abbiamo mai speso meno di 50 euro in totale. Per risparmiare qualcosa, soprattutto a pranzo, una gustosa opzione è quella di entrare in un panificio e comprare un pezzo di torta salata o una baguette farcita, ve la caverete con meno di 10 euro.

Spero che questi consigli e queste informazioni vi possano essere utili per organizzare il vostro viaggio in Provenza. E, se volete iniziare a viaggiare con la fantasia ancora prima di partire, provate ad immergervi nelle atmosfere di un romanzo o di un film ambientato nella Francia del Sud, a breve ve ne consiglierò alcuni dei miei preferiti proprio qui sul blog.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.