Italia Sicilia

Cosa vedere ad Erice in un giorno: visita ad uno dei borghi più belli della Sicilia

Scritto da Silvia

Cosa vedere e cosa fare ad Erice in un giorno, mini guida allo splendido borgo del trapanese, tra atmosfere medievali e la storica pasticceria di Maria Grammatico.

Erice è uno dei più bei borghi della Sicilia e d’Italia, in provincia di Trapani, a poco meno di un’ora da San Vito lo Capo. Arroccato sulla cima del Monte S. Giuliano (o Monte Erice, come lo chiamano molti), a circa 750mt sul livelo del mare, sembra dominare dall’alto acqua e terra, dalle isole Egadi alla costa all’entroterra trapanese. Erice è uno di quei luoghi di cui ti innamori al primo istante, in cui il tempo sembra essere rimasto intrappolato tra le vie. Edifici storici, ciotoli consumati dagli anni, piccole botteghe artigiane che profumano di Sicilia. Una tappa obbligata di qualsiasi itinerario che tocchi la costa occidentale della Sicilia.

In questo articolo vi suggerisco tre cose da fare assolutamente ad Erice e per le quali vi sarà sufficiente poco meno di una giornata.

Erice in un giorno: perdersi tra i vicoli acciotolati

Sembra una frase fatta, ma il modo migliore per scoprire Erice è davvero quello di perdersi tra le sue viuzze. Piccole e strette vie acciottolate su cui si affacciano edifici dai toni tenui e caldi.

Partite da Porta Trapani e da Corso Vittorio Emanuele, la via principale della città, e ammirate sulla sinistra il Duomo dell’Assunta. La costruzione è piuttosto insolita, perché il campanile è completamente staccato dalla chiesa e le sta davanti. Proseguite poi risalendo Corso Vittorio Emanuele fino a Piazza Umberto I dove si trova il Palazzo del Municipio. Da qui continuate su via Cordici e troverete il Centro di cultura scientifica Ettore Majorana voluto dall’astrofisico Antonio Zichichi. Si trova all’interno di un edificio del XVI secolo che in passato è stato adibito a monastero delle Clarisse e ad orfanotrofio e che nel 1963 ha trovato la sua destinazione d’uso finale.

Queste sono solo alcune delle cose che vi consiglio di vedere ad Erice, ma non dimenticate di curiosare tra le stradine laterali per respirare l’atmosfera medievale lontano dalla folla di turisti e per osservare in tranquillità i dettagli degli edifici, dai capitelli alle ringhiere in ferro battuto. Entrate nelle botteghe artigiane e nei negozi che vendono prodotti gastronomici, comprate dolcetti e liquore allo zibibbo e lasciatevi tentare dai sapori.

cosa vedere ad erice in un giorno
cosa vedere ad erice in un giorno

Erice in un giorno: assaggiare le genovesi di Maria Grammatico

Una visita ad Erice non può dirsi tale se non ci si ferma ad assaggiare una genovese nella storica pasticceria di Maria Grammatico, una vera istituzione! Oltre ad essere i dolci tipici di Erice, le genovesi hanno anche una storia affascinante, legata proprio alla signora Maria. Fin da piccola Maria non ebbe una vita facile, trascorrendo buona parte della sua infanzia nel convento di clausura di San Carlo ad Erice, dove imparò di nascosto i segreti del mestiere dalle suore, specializzate nella produzione di dolci (tra cui le genovesi) ma gelosissime della loro tecnica. Dopo essere tornata a casa, Maria aprì un piccolo laboratorio di pasticceria, che negli anni si è trasformato nel cuore del negozio che oggi attira centinaia di turisti ogni giorno.

Ma cosa sono le genovesi? Delle deliziose tortine di pasta frolla ripiene di crema pasticcera e spolverate di zucchero a velo che, gustate ancora calde, portano dritte in paradiso. Tutto il sapore della cucina siciliana e delle cose semplici, con un tocco di bontà che non vi so spiegare, provare per credere. Qualche tempo fa ho letto un libro proprio sulla vita di Maria Grammatico e ci ho trovato anche la ricetta originale delle sue genovesi, non vedo l’ora di provarla.

cosa fare ad erice in un giorno - assaggiare le genovesi alla storica pasticceria di maria grammatico
photo credits: @pasticceria_maria_grammatico

Erice in un giorno: salire al castello per ammirare il panorama dall’alto

Arroccato sul monte S. Giuliano sorge il castello Normanno di Erice, o castello di Venere, così chiamato perché fu costruito nel XII secolo sulle rovine di un antico santuario dedicato a Venere Ericina. In epoca normanna il castello ebbe prevalentemente la funzione di fortezza difensiva e nel passare dei secoli ospitò le casate reali.

Durante la visita ad Erice non mancate di salire fino al belvedere del castello, che si raggiunge con una piacevole passeggiata di una decina di minuti dalla parte bassa del borgo. La vista di cui si gode è mozzafiato, su Trapani e sulle isole Egadi. E, prima di spingere lo sguardo così lontano, ammirate anche la torretta Pepoli subito sotto. Questa torretta prende il nome dal conte Pepoli, esteta e mecenate che la fece costruire verso le fine del XIX secolo all’interno del giardino del Balio, il cuore verde della città, e che qui organizzò incontri con artisti e personalità di spicco dell’epoca.

cosa vedere ad erice in un giorno

Come arrivare ad Erice

Vi lascio infine alcune informazioni pratiche che possono esservi utili se state pensando di visitare Erice. I mezzi per raggiungerla sono infatti molteplici.

Arrivare ad Erice in funivia da Trapani

Il modo più semplice e veloce per raggiungere Erice è la funivia che in soli 10 minuti collega Trapani con la cima del monte, regalando ai passeggeri un’incredibile vista panoramica sulle isole Egadi. Sul sito ufficiale potete trovare tutti i dettagli, comprese le indicazioni della stazione di monte e di valle e gli orari aggiornati.

Arrivare ad Erice in auto

Arrivare ad Erice in auto è piuttosto semplice, vi basterà seguire le indicazioni stradali che da Trapani sono molto frequenti o impostare il navigatore. Il vero problema sarà trovare parcheggio, perché il piccolo borgo è sempre preso d’assalto dai turisti, in particolare durante la bella stagione. Il parcheggio più comodo, ma anche quello che si riempie per primo, è quello davanti alle mura, proprio all’ingresso del centro storico. Un’altra opzione è quella di lasciare l’auto direttamente lungo la strada che porta ad Erice e completare la salita a piedi.

Arrivare ad Erice in treno

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Trapani.

Arrivare ad Erice in aereo

Gli aeroporti più comodi sono Trapani (TPS) e Palermo (PMO).

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.