Europa Germania

Romantica Baviera: visita ai castelli di Hohenschwangau e Neuschwanstein

Scritto da Silvia

Castelli della Baviera: visita a due dei castelli più famosi di Ludwig II, Hohenschwangau e Neuschwanstein.

Visitare i castelli della Baviera è una delle cose da fare assolutamente nella vita. Fatti costruire per volontà del re Ludwig II di Baviera, sono tra le attrazioni principali della regione e dell’intera Germania.

Confesso che l’idea di visitare i castelli della Baviera è nata quasi per caso da una lettura sulla vita di Ludwig, noto anche come il “Re delle favole”. Amante delle arti, salì al trono bavarese a soli diciott’anni alla morte del padre ed era talmente affascinato dalle leggende medievali e cavalleresche e dal mito del Re Sole, che spese la sua breve vita nell’emulazione dei fasti architettonici di Luigi XIV e nella costruzione di castelli fiabeschi.

Già da qualche tempo avevamo deciso di passare alcuni giorni tra Austria e Baviera e la volontà di visitare i castelli di Ludwig è stata il pretesto perfetto per partire. Abbiamo quindi pianificato un itinerario on the road che, tra le altre cose, toccasse anche i tre castelli più belli della Baviera:

  • Hohenschwangau
  • Neuschwanstein
  • Herrenchiemsee

In questo articolo vi parlo dei primi due castelli, che si trovano entrambi a Schwangau, un paesino altrimenti anonimo a pochi chilometri dalla più famosa e decisamente più carina Füssen.

Visitare i castelli della Baviera

Il castello di Hohenschwangau

Il castello di Hohenschwangau si deve al padre di Ludwig, Massimiliano II, che lo acquistò quand’era diroccato e lo fece ricostruire in perfetto stile medievale. Qui Ludwig trascorse la maggior parte della sua infanzia, venendo fortemente influenzato dall’atmosfera fiabesca e romantica del luogo. E sempre qui conobbe Richard Wagner, di cui divenne il mecenate e con cui instaurò una profonda amicizia che accentuò ancora di più la sua ammirazione per le imprese cavalleresche.

visitare i castelli della baviera - castello di hohenschwangau

Le stanze sono in tutto e per tutto una rappresentazione dell’ideale medievale e romantico. Imperdibili la sala del Cavaliere del Cigno, che raffigura la leggenda di Lohengrin, la sala degli Eroi, la più grande del castello, ricca di dipinti e statue delle leggende della Germania medievale e la camera del Tasso, la camera da letto di Ludwig, che rappresenta la storia di Rinaldo e Armida e sul cui soffitto è  dipinta una volta stellata. Se avete un po’ di tempo prima o dopo la visita guidata, fermatevi ad ammirare le facciate esterne e i loro stucchi e affacciatevi dalle mura per uno spettacolo meraviglioso, quello delle montagne innevate sullo sfondo. Vicino al portone d’ingresso c’è infine un piccolo negozio in cui si può acquistare la guida dei castelli della Baviera, ricca di immagini bellissime (considerato che all’interno è vietato fare foto, ve la consiglio per portare a casa con voi un ricordo della magnificenza e dei colori delle sale).

visitare i castelli della baviera - esterno del castello di hohenschwangau

Come arrivare al castello di Hohenschwangau

Per raggiungere il castello di Hohenschwangau è sufficiente una piacevole passeggiata di una decina di minuti dalla biglietteria centrale. Quindi non fatevi ingannare da chi si offre di portarvi al castello in carrozza, sarebbe un’inutile spesa, oltre al fatto che il panorama visto dall’alto mano a mano che si sale è davvero bellissimo.

Dopo la visita, per ritornare invece verso il centro di Schwangau, vi suggerisco di prendere l’uscita sul retro del castello. Il percorso sarà un pochino più lungo rispetto all’andata ma così avrete la possibilità di costeggiare l’azzurrissimo lago Alpsee.

Il castello di Neuschwanstein

Non appena ci si trova al cospetto della facciata principale del castello, diventa subito chiaro il motivo per cui Walt Disney vi si sia ispirato per disegnare il castello de “La Bella Addormentata nel bosco” e perché questo sia il simbolo della Baviera. Una costruzione magnificente, curata in ogni torre e in ogni finestra, in ogni cortile e in ogni decorazione. Un castello che racconta l’anima di Ludwig, il suo desiderio di far prendere vita agli eroi medievali e alle leggende romantiche, il suo voler creare un luogo dove fuggire dalla realtà politica di tutti i giorni.

visitare i castelli della baviera - facciata del castello di neuschwanstein

Le sale non a caso sono ispirate a motivi wagneriani, alla leggenda di Lohengrin e all’epopea cavalleresca, che qui trova pieno compimento. Il sovrano non ha badato a spese duranti i lavori al castello, dilapidando una vera fortuna. Ha introdotto elementi che all’epoca erano assolutamente innovativi, come l’acqua corrente ad ogni piano. Ha fatto utilizzare materiali di gran pregio, basti pensare alla sala del Trono che ha gradini in marmo bianco di Carrara e un candelabro in ottone dorato con ben 96 candele. Il trono stesso doveva essere d’oro e avoiro, ma purtroppo non fu mai completato perchè il re morì prima della fine dei lavori. Come la precedente, anche questa visita guidata è ben strutturata e interessante, Bellissime la camera da letto, in legno di quercia e ricca di splendidi intarsi, e la sala dei Cantori, che all’epoca era illuminata da oltre 600 candele. Purtroppo anche in questo castello è vietato scattare foto.

Dalla collina dove sorge il castello di Neuschwanstein è infine possibile vedere il MarienBrücke (ponte di Maria), che domina la gola di Pöllat e la cascata sottostante. Dal castello si arriva al ponte con una passaggiata di circa venti minuti in mezzo al bosco e da qui la vista è impagabile, ovviamente se non soffrite di vertigini!

Come arrivare al castello di Neuschwanstein

Dal centro di Schwangau ci sono tre soluzioni per arrivare al castello:

  • una passeggiata in salita di circa 40 minuti
  • il calesse, con tempi di attesa interminabili
  • la navetta, rapida ed economica (un paio di euro a persona)

Noi abbiamo scelto di raggiungere il castello con la navetta e siamo arrivati comodamente fino a poche decine di metri dall’ingresso. In questo caso, calcolate solo di presentarvi alla fermata con un certo anticipo, perché c’è sempre un po’ di coda e il biglietto per la visita del castello diventa inutilizzabile dopo l’orario che vi è stato assegnato. A fine giornata, per ritornare in centro a Schwangau, abbiamo invece voluto provare il calesse (il tragitto di ritorno costa molto meno rispetto all’andata e tipicamente non c’è coda).

Altre informazioni per organizzare la visita ai castelli di Hohenschwangau e Neuschwanstein

Prenotare i biglietti

Il castello di Hohenschwangau e quello di Neuschwanstein sono visitabili solo su prenotazione e i biglietti sono acquistabili sia online che in loco.

Noi abbiamo comprato i biglietti direttamente a Schwangau e il sistema di prenotazione e di visite guidate si è rivelato impeccabile. In base alla lingua scelta, il biglietto riporta l’orario preciso di ingresso per entrambi i castelli, a distanza di un paio d’ore uno dall’altro, per lasciare il tempo di vedere tutto con calma e soprattutto per evitare inutili e fastidiose code agli ingressi. Se invece preferite prenotare la visita pre-partenza, potete fare riferimento al sito ufficiale, lo stesso per entrambi i castelli.

Dove parcheggiare

Se arrivate in macchina, come abbiamo fatto noi, il parcheggio più comodo è sicuramente quello in centro a Schwangau, a pochi passi dalla biglietteria centrale. Nel 2012 noi abbiamo speso solo 5€ per l’intera giornata.

(Articolo aggiornato a giugno 2020)

2 Commenti

  • Che meraviglia. Non vedo l’ora di essere lì tra pochi giorni. Credevo si potesse arrivare in auto nei pressi del castello, a questo punto opterò anche io per la navetta.

    • Wow, buon viaggio allora! 🙂 Il castello di Neuschwanstein è veramente una favola, ci tornerei subito!
      Io con la navetta mi sono trovata benissimo, ci ha portati praticamente a pochi metri dal castello.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.